Istituto Comprensivo "D. R. Chiodi" > Circolari > Disposizioni funzionamento tramite modalità lavoro agile uffici e organizzazione dei  servizi
Ultima modifica: 20 Marzo 2020

Disposizioni funzionamento tramite modalità lavoro agile uffici e organizzazione dei  servizi

Istituto Comprensivo “Dionigio Romeo Chiodi”

 Prot. n. 840/VI.9                                                                             Roma, 20/03/2020

 

Oggetto: Disposizioni funzionamento tramite modalità lavoro agile uffici e organizzazione dei 

                servizi dell’Istituto Comprensivo “Dionigio Romeo Chiodi”.

 

IL  DIRIGENTE  SCOLASTICO

VISTO il decreto legge 23 febbraio 2020, n.6  recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologia da COVID-19;

VISTA la Direttiva n.1/2020 del Ministro della Pubblica Amministrazione  recante prime indicazioni in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 nelle pubbliche amministrazioni;

VISTI  i DPCM adottati ai sensi dell’art. 3, comma 1, del decreto legge  23 febbraio 2020, n. 6 in attuazione delle misure di contenimento dell’epidemia da COVID-19 e, in particolare, il DPCM 9 marzo 2020 recante misure per il contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale tra le quali la sospensione delle attività didattiche fino a 3 aprile 2020 su tutto il  territorio nazionale e il DPCM 11 marzo 2020 recante misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazione che individua la modalità del lavoro agile come modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa nelle pubbliche amministrazioni, al fine di limitare gli spostamenti per il raggiungimento del posto di lavoro per fermare  il propagarsi dell’epidemia;  

VISTE le note del Ministero dell’Istruzione n. 278 del  6 marzo 2020, n. 279 dell’8 marzo 2020 e n. 323 del 10 marzo 2020 con le quali vengono impartite alle istituzioni scolastiche disposizioni applicative delle suddette norme e, in particolare, vengono date indicazioni sullo svolgimento del lavoro del personale ATA e sull’applicazione dell’istituto del lavoro agile nel periodo di sospensione dell’attività didattica;

VISTA la Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 2/2020 contenente  “Indicazioni in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID – 19 nelle pubbliche amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2 del Decreto Legislativo del 30 Marzo 2001 n. 165;

CONSIDERATO in particolare che il paragrafo n. 2 della Direttiva 1/2020 del Ministero Pubblica Amministrazione prevede cheLe amministrazioni, nell’ambito delle proprie competenze istituzionali, svolgono le attività strettamente funzionali alla gestione dell’emergenza e le attività indifferibili”, e che “Le amministrazioni, considerato che  – sulla base di quanto rappresentato nel successivo punto 3 – la modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa è il lavoro agile, limitano la presenza del personale negli uffici ai soli casi in cui la presenza fisica sia indispensabile per lo svolgimento delle predette attività”;

VISTA la Nota del Ministero dell’Istruzione n. 323 del 10.03.2020 recante istruzioni operative relative al personale ATA;

VISTO il DPCM del 16 marzo 2020, art. 1, comma 6;

VISTO il decreto legge 17 marzo 2020, n. 18 Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19;

CONSIDERATO in particolare che l’articolo 87 del suddetto decreto legge prevede che […] “Fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-2019, ovvero fino ad una data antecedente stabilita con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro per la pubblica amministrazione, il lavoro agile è la modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa nelle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165”;

VERIFICATA la necessità di apportare modifiche alla determina prot. n. 821/VI.9 del 18 marzo 2020 con la quale questa dirigenza ha disposto la riorganizzazione del lavoro del personale ATA in seguito alla pubblicazione del DPCM 11 marzo 2020 che ha emanato ulteriori misure di contenimento del contagio a tutto il territorio  nazionale  limitando gli spostamenti alle sole indifferibili necessità e individuando la modalità del lavoro agile come modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa dei dipendenti della pubblica amministrazione;

VERIFICATO che le attività strettamente funzionali alla gestione amministrativa e alla gestione delle attività di didattica a distanza, avviate dai docenti di questa istituzione scolastica, non richiedono  la necessità della presenza fisica del personale  amministrativo  nei locali dell’istituto;

VISTA l’ulteriore nota, prot. n. 0000392 del 18/03/2020, del Ministero dell’Istruzione – Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione;

VISTO l’art. 25 del decreto legislativo n. 165/2001;

TENUTO CONTO, da un lato, della natura di servizio pubblico essenziale attribuita dalle norme al servizio scolastico e, dall’altro, della necessità di minimizzare, in questa fase emergenziale, le presenze fisiche nella sede di lavoro;

AL FINE di contenere al massimo gli spostamenti del personale dal proprio domicilio per raggiungere il posto di lavoro in quanto la quasi totalità del personale ATA si sposta con mezzi pubblici e che la maggioranza di essi è pendolare residente fuori Comune e fuori Regione;

CONSIDERATO inoltre che è stata sospesa l’erogazione del riscaldamento dell’edificio scolastico;

AL FINE di tutelare nelle forme prescritte la salute e la sicurezza di tutto il personale scolastico e degli utenti stessi, in ottemperanza del DPCM citato in premessa,

 

DISPONE

dal giorno 23 marzo 2020 e fino a diversa disposizione ovvero  fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-2019, ovvero fino ad una data antecedente, stabilita con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri:

– Gli uffici amministrativi dell’Istituto Comprensivo “Dionigio Romeo Chiodi” funzioneranno in modalità di lavoro agile, ai sensi degli artt. 18 e segg. della legge 81/2017, dal lunedì al venerdì. Il personale assistente amministrativo resterà a disposizione, garantendo la costante reperibilità e, laddove necessaria, la presenza per eventuali necessità connesse al funzionamento dell’istituzione scolastica;

– Tutte le esigenze degli utenti sono soddisfatte a distanza, attraverso comunicazioni e-mail che potranno essere indirizzate alla mail istituzionale della scuola. Attraverso la segreteria digitale, le mail saranno assegnate ai settori di competenza di seguito indicati:

  Presidenza – Direzione servizi generali e amministrativi – Personale – Alunni  –  Didattica –   

  Contabilità;

 – L’apertura degli edifici scolastici avverrà solo per esigenze indifferibili (sopralluoghi,  interventi tecnici, emergenze, necessità straordinarie, sanificazione, consegna forniture);

 – Il Dirigente scolastico attuerà modalità di lavoro agile, garantendo la sua costante reperibilità e, laddove necessaria, la presenza per eventuali necessità indifferibili, connesse al funzionamento dell’istituzione scolastica. Assicurerà la piena funzionalità dell’istituzione scolastica a supporto della didattica a distanza e dell’attività amministrativa dell’ufficio, coordinata dalla DSGA, con la quale manterrà un contatto costante.

L’Ufficio di segreteria potrà essere contattato attraverso le seguenti caselle di posta elettronica:

 rmic8bq008@pec.istruzione.it

 rmic8bq008@istruzione.it

nonché attraverso il seguente numero telefonico dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 13.00:   3517180369

 Ulteriori informazioni saranno pubblicate sul sito web della scuola:

 http://www.ichiodi.it/

 

 Il DSGA provvederà ad impartire al personale ATA specifiche disposizioni affinché:

  • Il personale amministrativo lavori ordinariamente in modalità agile, compilando un report riepilogativo;
  • I collaboratori scolastici aprano al pubblico l’edificio scolastico solo a seguito di particolari esigenze indifferibili (sopralluoghi, interventi tecnici, emergenze, necessità straordinarie, consegne fornitori, sanificazione); a tal proposito, verrà prevista la reperibilità quotidiana, secondo turnazioni, dalle ore 8.00 alle ore 14.00 di n.2 unità di personale ATA;
  • Al fine di limitare la presenza del personale nell’Istituto, vengano utilizzati gli strumenti delineati dal Decreto Legge 17 marzo 2020, n.18, articolo 87 comma 3. Tutto il personale che non può lavorare in maniera agile e non è in turnazione dovrà fruire delle ferie maturate nello scorso anno scolastico e, in subordine, della banca ore, eventualmente attivata;
  • Il personale sia esentato dal lavoro, in ultima ratio, ai sensi dell’art. 1256, c. 2 del c.c..

Il Dirigente scolastico si riserva di disporre l’eventuale recupero del servizio non prestato facendo seguito a successive disposizioni, relative alle note del Ministero dell’Istruzione n.278 del 6 marzo 2020, n.279 dell’8 marzo 2020 e n. 323 del 10 marzo 2020.

L’eventuale prestazione di lavoro in presenza del personale ATA, qualora strettamente necessaria, può effettuarsi solo previa assunzione di tutte le misure idonee a prevenire il contagio (distanziamento sociale, misure di igiene personale ecc.).

Con successivi ed ulteriori atti saranno implementati, ovvero modificati, i termini del presente provvedimento, in funzione dell’evolversi dell’emergenza sanitaria da COVID-19  e dei conseguenti atti regolativi.   

                                                                                     IL  DIRIGENTE  SCOLASTICO

                                                                                            Dott.ssa Incoronata Sarni